Ricostruzione unghie: il gel

Questo è un veloce articolo che sto provando a scrivere e pubblicare dal cellulare…i miei solito esprimenti tecnologici XD

Quando parliamo di ricostruzione unghie abbiamo ormai capito che esistono diversi metodi (vi rimando all’articolo di spiegazione di qualche tempo fa..). Quello che più piace a me è sicuramente la semplice colata di gel. Al massimo l’allungamento con le cartine, se le voglio un po’ piú lunghe. È un metodo che vi consiglio perché risulta molto piú naturale delle tips e rinforza le unghie…almeno finchè non lo togliete! dopodiché o lo rifate subito o usate comunque smalti base indurenti perché è logico, anche il gel stressa le unghie e le indebolisce una volta tolto.
Quanto alla durata, beh dipende da quanto vi crescono le unghie; in media dura un paio di settimane e se fate un semplice french la ricrescita quasi non si vede! Inoltre il gel è anche comodo perché (soprattutto se sotto avete una base chiara) quando vi stufate potete mettere lo smalto che volete e togliersi con il semplice acetone!
Premesso che io da sola non sono in grado di farmelo, me lo faccio fare da una mia cara amica che ha seguito un corso.
Nella foro qui sotto: le unghie che le ho chiesto di farmi per natale. Un semplice french con un bel rosso natalizio super brillantinato ed un dettaglio in oro sul pollice e anulare.
20111229-104442.jpg

Qui invece le unghie molto raffinate ed eleganti che ha fatto ad una mia amica:

20111229-105638.jpg

La ricostruzione unghie è un’arte, non ci piove. Qui vi ho solo mostrato come possiamo avere delle unghie a posto, in ordine ed eleganti a lungo, perfette in ogni occasione ma senza essere troppo appariscenti 😄
Magari vi faró poi vedere altre idee sempre su questo genere!
A presto!

Annunci

Nail art: applicare lo smalto sulla French

Dopo una bella influenza (non del tutto smaltita) eccomi qui con un nuovo articolo sulla nail art ^^
Martedi sono andata a togliere le unghie con i decori natalizi perchè ormai erano fuoriluogo e ho optato per fare una classica french bianca.

Questo perchè ho proprio voglia di sbizzarrirmi con gli smalti colorati. Purtroppo ho un difetto: quello di stancarmi troppo facilemente. Quindi trovo inutile (anche per le mie tasche) fare qualcosa che poi non mi fa sentire a mio agio, per cui ho preferito fare una french molto semplice senza troppi ghirigori.
Per questa “puntata” ho deciso di proporvi il mio smalto Kiko “Rosso Vino MicroGlitter” che ho acquistato in negozio qualche mese fa e che sto usando spesso in questo periodo,perchè è un colore davvero bello e perchè io adoro le tonalità scure.

Molte di voi penseranno che non si può applicare un comune smalto su una french fatta dall’estetista, col gel. Invece è sbagliatissimo..!!!Applicare lo smalto non comporta alcuna conseguenza sul prodotto applicato in precedenza. Non ci sono rischi di rovinare la french originale e lo smalto lo si può togliere con un comune acetone (ma ricordatevi: non tutti i solventi vanno bene!!Nel caso vi rimando all’articolo che ho postato qualche tempo fa a proposito dei solventi per unghie).

Ora rimuovo lo smalto messo sull’unghia del mignolo e come potete vedere non è cambiato proprio nulla ^^


Per togliere magari lo smalto in eccesso potete usare una penna/solvente di precisione della linea Essence che vi consente di passare intorno all’unghia senza intaccare il resto dello smalto applicato.Oppure io ho trovato un Polish Remover fatto a smalto,molto carino..!

Detto questo vi saluto e…. Alla prossima ^^

Ricostruzione unghie: metodi

RICOSTRUZIONE UNGHIE UV GEL
Per eseguire una ricostruzione uv gel in modo efficace, è necessario rispettare scrupolosamente una serie di passaggi che ci garantiscano la riuscita è la durata del trattamento che stiamo per fare. Inizio col mettere una foto di un modello di KIT UV NAIL (anche media Shopping lo vende,perchè purtroppo la lampada UV è troppo poco potente per asciugare il tutto,quindi prima di acquistarlo chiedete bene,la lampada deve essere potente,altrimenti rischiate di dover spendere altri soldi).

– Il primo step consiste nel disinfettare le proprie mani con il detergente professionale che a volte è contenuto nello stesso kit;
– con il solvente presente all’interno della confezione puliamo l’unghia naturale in modo da rimuovere tracce di smalto, grasso, ecc… Ho detto SOLVENTE perchè quello che usano anche le estetiste o chi fa la ricostruzione non è l’acetone comune che compriamo al supermercato,è meno aggressivo.
– con un bastoncino(anche questo c’è nella confezione) spingeremo le cuticole verso l’interno del dito; per facilitare questo step è possibile ammorbidire le cuticole con dell’olio che potete fare voi in casa (vi rimando ad un articolo che vi può essere utile) o comprare a prezzi non elevati.
– Cercheremo poi di accorciare le unghie con una lima di grana fine; poi sarà fondamentale opacizzare l’unghia naturale rimuovendo lo strato grasso dell’unghia.Questo passaggio è fondamentale perchè opacizzando andiamo ad aprire le squame dell’unghia permettendo una migliore adesione del materiale.
– con l’apposito spazzolino di plastica spolveriamo sopra e sotto l’unghia.
– scegliere le tip che meglio si adattano all’unghia partendo dal mignolo al pollice di entrambe le mani.

– con il TIP CUTTER accorciamo le tip secondo la lunghezza che più ci interessa, opacizziamo con la lima le tip rendendole uniformi all’unghia naturale eliminando lo scalino che si è formato aiutandoci con il TIP BLENDER.
– Spolveriamonuovamente la polverina che faremo con lo spazzolino di plastica.
– Stendiamo la nostra base adesiva (solitamente nel kit è una colla trasparente stile Attack,ma le estetiste usano una colla più densa,fatta comunque in gel) su tutta la lunghezza dell’unghia naturale e non.
Ovviamente le tip che applichiamo sono sul bianco,color carne o anche trasparenti,per cui poi possiamo tranquillamente sbizzarrirci. La vasta gamma di colori e prodotti ci permette di soddisfare la fantasia con l’applicazione di polveri glitter, gel colorati,brillanrini,disegni di ogni tipo ecc…Questa operazione va effettuata su un’unghia per volta facendo asciugare sotto la lampada UV, in modo alternato, per circa due minuti,perchè sennò se sfregate le unghie una contro l’altra potrete dire addio a tutto il vostro lavoro.


RICOSTRUZIONE UNGHIE IN ACRILICO
In caso di unghie molto rosicchiate siamo in presenza di onicofagia avanzata. In questo caso, la ricostruzione unghie in gel risulta difficile, in quanto siamo in assenza di una base sulla quale poter applicare la tip per ricostruire quindi allungare l’unghia. L’alternativa è la ricostruzione unghie in acrilico: si usano delle polveri ( resine) che impastate con un liquido induriscono in brevissimo tempo sull’unghia. Per quest’ultimo motivo questa tecnica di ricostruzione richiede una manualità veloce ed elevata. Il risultato finale è un’unghia naturale pronta ad essere smaltata, decorata. E’ anche vero che ultimamente l’acrilico si usa per fare creazioni alquanto bizzarre, unghie che probabilmente nessuna di noi farebbe,perchè di solito vengono fatte per le fiere dove si mettono in mostra le ultime tentende,ma a alle volte risultano assai scomode per la loro forma stessa:

RICOSTRUZIONE UNGHIE IN GEL

Il gel risulta essere uno dei metodi di ricostruzione unghie più veloce.
I gel possono essere utilizzati secondo tecniche differenti. Alcuni si possono applicare direttamente sull’unghia naturale con lo scopo di renderla più lucida, resistente, brillante; altri gel possono essere impiegati anche dopo l’allungamento ottenuto, ad esempio, col metodo tip ( estensione in plastica speciale). Infine esistono alcuni tipi di gel che, se supportati da speciali cartine poste sull’unghia, ne permettono direttamente la sua ricostruzione,come in questa foto che ho inserito:

Per la decorazione si procede poi come la ricostruzione fatta con te tips. Ora non vi resta che far volare la vostra fantasia..!!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: